Al momento il servizio di invio mail non è disponibile. Per cortesia riprova più tardi.

Consulente VWFS suggerisce leasing finanziario e noleggio NLT a clienti

Mobilità e Finanziamenti

Leasing Finanziario
o Noleggio a Lungo Termine?

Differenze e opportunità

Leasing Finanziario e Noleggio a lungo termine: differenze e opportunità

 

Un approfondimento sulle soluzioni alternative di mobilità che si stanno sempre più imponendo nel mercato auto, sia per i titolari di Partita IVA sia per i privati.

Uomo al volante di una volkswagen t-roc noleggiata con NLT

Il mercato dell’auto è in continua evoluzione, non solo dal punto di vista dei segmenti e dei modelli, con nuove tipologie di auto sempre più trasversali, ma anche da quello dei servizi finanziari. Negli ultimi anni, all’acquisto dell’auto con pagamento in unica soluzione o con il classico finanziamento, si sono affiancate nuove opportunità di accesso all’automobile che, secondo diversi analisti, rappresenteranno il futuro dell’automotive. Si va da innovative formule di acquisto come il finanziamento con valore futuro garantito, fino a soluzioni alternative di mobilità come il leasing finanziario ed il noleggio a lungo termine, che oggi sono accessibili non solo alle aziende o ai liberi professionisti, ma anche ai privati.

 

 

 

Leasing finanziario: come funziona

Nel settore automobilistico, e non solo, tra i prodotti finanziari più interessanti c’è sicuramente il leasing finanziario. Scopriamo di cosa si tratta e quando conviene.

Cos’è il leasing finanziario

Il leasing è una forma di contratto con cui il concedente permette ad un utilizzatore il godimento di un bene, preventivamente individuato, a fronte del versamento di un canone periodico e gli riconosce, inoltre, il diritto di riscattare il bene medesimo, e di acquisirne di conseguenza la proprietà, al termine del periodo previsto dal contratto.

Nell’operazione di stipula di leasing finanziario sono coinvolti tre soggetti:

· l’utilizzatore: è colui che sceglie e utilizzerà il veicolo; può essere un’impresa, un professionista o un privato e può riscattare il veicolo al termine del contratto;

· il concedente: è la società di leasing che acquista materialmente il bene scelto dall’utilizzatore;

· il fornitore: è chi vende il veicolo scelto dall’utilizzatore alla società leasing (solitamente la concessionaria auto).

2020_11_Mobility_Img_10b.jpg

La disciplina normativa

Se prima veniva considerata dal legislatore un contratto atipico, oggi la disciplina del leasing è normata dalla Legge 4 agosto 2017 n. 124, la cosiddetta “legge sulla concorrenza”. In particolare, al comma 136 dell’articolo unico la locazione finanziaria viene definita come «il contratto con il quale la banca o l'intermediario finanziario (…) si obbliga ad acquistare o a far costruire un bene su scelta e secondo le indicazioni dell'utilizzatore (…) e lo fa mettere a disposizione per un dato tempo verso un determinato corrispettivo che tiene conto del prezzo di acquisto o di costruzione e della durata del contratto. Alla scadenza del contratto l'utilizzatore ha diritto di acquistare la proprietà del bene a un prezzo prestabilito ovvero (…) l'obbligo di restituirlo».

Tipologie di leasing finanziario

Il leasing finanziario di Volkswagen Financial Services può essere distinto in due differenti tipologie:

·         Leasing finanziario standard: in questa formula il riscatto finale è determinato da una percentuale matematica sul prezzo del veicolo (di solito non oltre il 25%);

·         Leasing finanziario 2.0.: il riscatto finale viene invece calcolato in funzione del valore residuo atteso del veicolo alla fine del contratto, data la percorrenza annua stabilita. Questa soluzione si caratterizza per la sua flessibilità, che è massima su tutti i parametri.

Entrambe le soluzioni sono disponibili sia a tasso fisso sia a tasso variabile:

Ø  con tasso fisso, il piano d'ammortamento è prestabilito e presenta uno sviluppo puramente finanziario;

Ø  con tasso variabile (index), il piano d’ammortamento presenta delle periodiche correzioni alle quote interessi dei canoni in relazione alle variazioni mensili del tasso ufficiale di riferimento (Euribor 1M/360).


Noleggio a lungo termine: come funziona

VW polo.png

Un’altra soluzione alternativa di mobilità è rappresentata dal noleggio a lungo termine. Si tratta di una formula – fruibile sia dai titolari di Partita IVA sia dai privati – che sta iniziando a diffondersi sempre di più, come testimoniano i dati dell’associazione di categoria Aniasa (Associazione Nazionale Industria dell'Autonoleggio e Servizi Automobilistici).

In particolare, il Rapporto Aniasa 2020 rileva che il noleggio a lungo termine ha fatto segnare a fine 2019 un incremento della flotta circolante di quasi il 13% (912.000 veicoli) rispetto all’anno precedente. Oggi non solo le società, ma anche i privati optano per il noleggio, rappresentando una quota sempre maggiore dei contratti.

 

Cos’è il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine consiste nell’utilizzo di un veicolo per un preciso periodo di tempo previo accordo tra la società di noleggio ed il cliente. Può essere definito come un contratto con cui si può disporre di un veicolo dietro il pagamento di un canone periodico, che ai titolari di Partita IVA consente anche importanti vantaggi fiscali.

Il cliente paga un canone per utilizzare il veicolo e per usufruire di alcuni servizi già compresi come l’assicurazione, la manutenzione ordinaria e straordinaria, il cambio pneumatici, il soccorso stradale ed il veicolo sostitutivo. A fine noleggio il cliente restituisce semplicemente il veicolo.

2020_11_Mobility_Img_3_3.2.jpg

La disciplina normativa

La disciplina normativa del noleggio a lungo termine ricade nell’ambito della locazione, la cui nozione si ritrova nell’Articolo 1571 del Codice Civile: «la locazione è il contratto col quale una parte, il locatore, si obbliga a far godere all’altra, il conduttore, una cosa mobile o immobile per un dato tempo verso un determinato corrispettivo». In altri termini, il legislatore stabilisce che si può usufruire pienamente di un veicolo nuovo pagando un canone mensile.  

Leasing finanziario e noleggio a lungo termine:
differenze e fiscalità

Per comprendere la convenienza del leasing finanziario o del noleggio a lungo termine, occorre tenere in considerazione le esigenze specifiche del cliente finale, il fatto che si tratti di un privato o di un soggetto titolare di Partita IVA, le dimensioni della flotta aziendale ed altri fattori ancora.

Quando si acquista un’auto, o un veicolo in generale, una delle maggiori voci di costo è rappresentata dalla svalutazione, particolarmente rilevante in caso di percorrenze chilometriche annue elevate. Un veicolo acquistato nuovo può arrivare a perdere fino al 75% del suo valore nei successivi cinque anni.

A questo si aggiunge l’esigenza da parte di aziende e liberi professionisti di poter contare su veicoli sempre in efficienza, grazie ad una manutenzione costante, e preferibilmente non troppo vecchi. Le auto ed i mezzi recenti, infatti, garantiscono più sicurezza ed accrescono il prestigio e l’immagine positiva dell’azienda.

Da non trascurare anche i vantaggi fiscali per i titolari di Partita IVA, cioè la possibilità di dedurre i costi e detrarre l’IVA. Per i privati non è prevista questa possibilità, ma rimangono gli altri vantaggi, che stanno convincendo sempre più cittadini a preferire queste formule.

 

Caratteristiche e differenze

Ecco le principali caratteristiche e le differenze in relazione a differenti aspetti dei due prodotti finanziari:

Proprietà del veicolo

·         Leasing finanziario: la proprietà rimane alla società concedente per l’intera durata del contratto, e passa all’utilizzatore solo nel caso in cui quest’ultimo, al termine dello stesso, decida di esercitare l’opzione di riscatto.

·         Noleggio a lungo termine: la proprietà rimane alla società di noleggio, ma il cliente utilizza l’auto a proprio piacimento, di fatto come fosse sua.

 Anticipo

·         Leasing finanziario: è previsto un anticipo solitamente variabile dal 10% al 30% del totale finanziato.

·         Noleggio a lungo termine: non è previsto l’anticipo; tutti i canoni periodici hanno il medesimo importo.

Fine del contratto

·         Leasing finanziario è previsto il diritto di riscatto finale, cioè la possibilità di ottenere la proprietà del veicolo a un prezzo prestabilito.

·         Noleggio a lungo termine: non è prevista la possibilità di riscatto.

Scelta dell’auto

Sia con il leasing finanziario sia con il noleggio, il cliente sceglie l’auto e può costruirsi la vettura “su misura”, selezionando l’allestimento e gli accessori, esattamente come avviene con l’acquisto classico.

Semplicità

Sia con il leasing finanziario sia con il noleggio, gli addebiti automatici sul conto corrente consentono al cliente la massima tranquillità, non dovendo pensare a niente durante la durata del contratto.

Servizi aggiuntivi

·        Leasing finanziario: possono essere aggiunti servizi opzionali come la copertura assicurativa (RCA, incendio, furto, ecc.), l’assistenza e la manutenzione ordinaria e straordinaria.

·        Noleggio a lungo termine: prevede già RCA, assistenza e manutenzione con la possibilità di aggiungere ulteriori prodotti assicurativi; VWFS prevede inoltre la gestione del pagamento della tassa di proprietà (vedi paragrafo successivo).

Tassa sulla proprietà

·         Leasing finanziario: la tassa sulla proprietà del veicolo (comunemente detto “bollo auto”) viene pagato dal cliente.

·         Noleggio a lungo termine: se in passato il “bollo” era pagato dalla società di noleggio ed era compreso nel canone, oggi – a seguito del DL 124/2019, convertito con alcune modifiche nella Legge n. 157/2019, entrato in vigore il 1 gennaio 2020 e diventato operativo nel mese di ottobre 2020 – deve essere pagato dal cliente in base all’importo previsto dalla Regione in cui è ubicata la sua residenza o la sua sede legale. Volkswagen Financial Services ha scelto di continuare a garantire la gestione del pagamento in nome e per conto del cliente, poiché garantire la continuità di uno dei principali elementi distintivi del noleggio, ovvero l’esternalizzazione, è di primaria importanza per VWFS. La società, infatti, provvede al pagamento della tassa alle Regioni di competenza e rifattura l’importo al cliente attraverso l’emissione di una fattura separata da quella del canone di noleggio.

Vantaggi fiscali


A differenza dei privati, per i titolari di Partita IVA sono previsti importanti vantaggi fiscali che rendono ancora più convenienti le soluzioni come il leasing finanziario e il noleggio a lungo termine. I vantaggi variano in relazione al prodotto finanziario scelto, all’attività svolta e in ogni caso devono essere verificati con il proprio consulente fiscale.

In linea generale, per quanto riguarda la deducibilità ai fini delle imposte dirette, si individuano le seguenti situazioni:

·         Deducibilità al 100%: per veicoli utilizzati come beni strumentali (ad esempio per attività come le scuole guida, i taxi, le società di car rental).

·         Deducibilità al 20%: per veicoli in uso promiscuo per qualsiasi finalità. In questo caso si parla di deducibilità limitata, come sancito dall’art. 164 comma 1 b del Tuir.  Oltre alla percentuale di deducibilità, è stabilita una limitazione anche per quanto riguarda il valore fiscalmente riconosciuto dei veicoli, pari ad un importo massimo di 18.075,99 euro per auto e caravan (4.131,66 euro per motocicli e 2.065,82 euro per ciclomotori). Considerando entrambe le limitazioni, si evince che i valori fiscalmente rilevanti per il calcolo degli ammortamenti non potranno eccedere l’importo massimo di 3.615,20 euro per autovetture e caravan (826,33 euro per motocicli, 413,17 euro per ciclomotori).

·         Deducibilità all’80%: su veicoli acquistati da agenti di commercio (in qualsiasi forma giuridica: società, forma individuale, ecc.); in questo caso anche il valore massimo fiscalmente riconosciuto per la deducibilità è superiore, cioè pari a 25.822,84 euro).

Per quanto riguarda la detrazione dell’IVA relativa ai canoni sostenuti per l’acquisizione del veicolo, in generale, si presentano le seguenti possibilità:

·         detrazione IVA al 100%: per i veicoli utilizzati dalle aziende come beni strumentali e dagli agenti di commercio;

·         detrazione IVA al 40%: per i veicoli non utilizzati esclusivamente nell’esercizio dell’impresa (articolo 19-bis 1, comma 1, lettera c, del DPR n. 633/72).

Disclaimer: gli aspetti di natura fiscale sono forniti a scopo puramente informativo; al fine di valutare in modo dettagliato la propria situazione, è necessario avvalersi della consulenza di un professionista esperto in materia fiscale.

Donna naviga su sito web Volkswagen per controllare documenti

Esplora il mondo Volkswagen Financial Services

Scopri i prodotti e servizi offerti da VWFS, naviga sul nostro Corporate Website per trovare ciò di cui hai bisogno

Scopri quali veicoli sono ordinabili dal nostro showroom online dedicato al Noleggio a Lungo Termine.

SOLUTION

Accedi all'area riservata per il Noleggio a Lungo Termine, i tuoi servizi a portata di click.

Area Clienti NLT